Come scelgo il mio nuovo cucciolo?

Spessissimo ci scrivono, chiamano o contattano persone per un consiglio su come scegliere il loro futuro amico a quattro zampe ed è sempre un piacere confrontarsi e scambiarsi idee, opinioni ed esperienze con gente che non ha come unico interesse la spesa economica che il cucciolo comporterà.

Questo di oggi vuole essere una sorta di raccolta di consigli su come scegliere il cucciolo più adatto a voi, per me sarà un promemoria sulle domande da fare alla famiglie che mi chiederanno consigli.

 

La vostra casa

Prima di tutto sarebbe il caso che ognuno di noi sia sincero rispetto ai propri limiti, partendo dal luogo in cui il cane dovrà vivere, per la maggior parte del tempo. Indubbiamente un giardino sarebbe la scelta migliore, consentirebbe al cucciolo di scaricare parecchie energie durante il giorno, di stare all’aria aperta e di fare i suoi bisogni all’esterno. Ma non tutti siamo così fortunati: in appartamento i cani non vivono male, assolutamente, ma ricordatevi che, come tutti i membri della famiglia, il cucciolo avrà bisogno di un “suo” spazio.

Credo sia inutile sottolineare che un alano in un monolocale + bagno, forse, non è una scelta saggia…

Il tuo stile di vita

Nessuno vuole farvi i conti in tasca, ma sappiamo bene che un cane è una grande spesa economica. Non mi riferisco al mantenimento delle spese di routine (che comunque non sono da sottovalutare), potrebbero essere necessari “soldi extra” non conteggiati inizialmente… La cosa peggiore che mi si mai capitata è di sentire “Non voglio spendere soldi per curare il cane, sta bene così.”

Altra questione: il cucciolo avrà bisogno di moooooolto del tuo tempo. Il cane adulto ha comunque bisogno del tuo tempo. Dalle passeggiate quotidiane che ti obbligheranno ad alzatacce, a corse dal lavoro o a pennichelle pomeridiane interrotte, alla necessità di coccole e affetto che INEVITABILMENTE pretenderà (GIUSTAMENTE, aggiungerei).

Eventuale supplente

Come a scuola. Se tu sei malato, se hai un impegno di lavoro, se arriva un inatteso viaggio di lavoro e/o piacere, il cane che fine fa?

Se conosci qualcuno che possa prendersi cura del tuo cane (un dog-sitter, una pensione, un parente o un amico), abituali entrambi, sin da subito alla reciproca accettazione. Nel mio caso ha bisogno di più attenzione l’amico che il cucciolo…

Il carattere del cucciolo

Non prendiamoci in giro, esistono cuccioli monelli. Il mio consiglio è quello di farti consigliare dall’allevatore al momento della scelta. Se per caso hai paura che una volta arrivato a casa possa distruggere il divano o rosicchiare le sedie, magari scegliere un cucciolo più dimesso e tranquillo sarebbe meglio per il tuo arredamento. Se cerchi un compagno di giochi o un cane attivo che ti accompagni nelle tue escursioni in montagna, forse ti conviene il bulletto della cucciolata. In questo caso, l’aiuto più sensato può venire da chi ha visto e conosce la cucciolata dal giorno della nascita, conosce le gerarchie e i caratteri. Non abbiate paura di chiedere, noi siamo lì per il meglio di entrambi.

Hai altri animali in casa?

Assicurati che vadano d’accordo, che siano compatibili e che non nascano gelosie. Non dimenticarti che sono animali, che hanno un linguaggio diverso, ma che comunicano molto meglio di noi.

Scelta del cucciolo

Una volta fatto un lavoro su te stesso, potrai iniziare a pensare al cucciolo.

Maschio o femmina? GENERALMENTE i maschi tendono ad essere più vivaci, le femmine più quiete.

Taglia? Dalla taglia può dipendere anche il carattere, oltre al banale “ingombro”.

Cane di razza o meticcio? Dipende assolutamente da voi. Scegliendo un cane di razza conoscete buona parte del destino che vi aspetta, in questo caso è necessaria la conoscenza della razza, dalla taglia, del carattere e soprattutto delle malattie in cui potreste incappare. Se non avete nessuna necessità in particolare, nessuna preferenza o semplicemente volete un compagno di vita, piuttosto che accoppiare random il figlio peloso del mio cugggino di terzo grado con la principessa del figlio dello zio del mio amico, nei canili ci sono tanti amici che ci aspettano…

Allevamento, canile, o privato?

Provo a darti qualche consiglio:

▫   Un cucciolo cresciuto con la mamma e i fratelli è più equilibrato di uno cresciuto in canile, solitamente;

▫   Chiedi più informazioni possibili sul passato del cucciolo, sui genitori, su quello che ha vissuto fino ad allora;

▫   Assicurati che il cucciolo accetti il contatto umano, evita quello timoroso o aggressivo, osservalo giocare anche con altri cani;

▫   Parla con l’allevatore, con i volontari del canile, con chiunque conosca il cane

▫   Mai portarlo a casa prima del sessantesimo giorno, strappare un cucciolo alla mamma troppo presto fa male prima di tutto al cucciolo.

▫   Attenzione ai documenti e alla salute del cucciolo.

Alla base di tutto, scegliere di accogliere un cane in famiglia è certamente una responsabilità, ma è una scelta che viene dal cuore e al cuore ritorna.

2 risposte a “Come scelgo il mio nuovo cucciolo?”

  1. Tutte cose che ho trovato nel mio cucciolo , una bellissima bracca italiana bianco/arancio, dal prelievo ad oggi che ha 4 anni , forse abituata troppo bene per le coccole, ma in fondo mi ha dato tante soddisfazione a caccia fin dai 6 mesi, peccato nella mia zona il Valdarno aretino carente di selvaggina.

    1. Allora hai scelto bene! Un cucciolo equilibrato e in salute generalmente è garanzia di una vita tranquilla…Purtroppo la selvaggina manca in molte parti di Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *